Rinuncio a capirti. Mi salvo

Rinuncio a capirti, comprenderti contenerti. Rinuncio a rinunciare a ciò che sono per salvare ciò che non può essere salvato. Rinuncio a salvarti, salvarci. Mi salvo, perchè lo voglio. Mi salvo, perchè valgo. Anna Maria Ricci - Le Poesie di Arte di Ascoltare 30.03.2019 h. 23:52 Foto di pixel2013 da Pixabay  

Annunci

Barefoot

Piedi silenziosamente scalzi sulla terra sulla pietra sull'erba nell'acqua e nel fango.. ricevere e dare energia un giocoserio perfetto. Passi che solcano impronte nelle strade del cammino. Ascolto attento di percezioni (s)conosciute e vive. Piedi che vanno toccano ridono scrivono ritornano respirano la luce-essenza. Piedi che continuano a camminare anche adesso che sono a riposo. … Continua a leggere Barefoot

Un momento come quello di oggi

Poi arriva un momento come quello di oggi, in cui ti guardi indietro per un attimo, e con grata commozione vedi chiaramente il senso di tutto. Vedi il motivo di quel No! del giorno precedente e degli ultimi anni che apparentemente sembravano esserci solo per sbarrarti la strada o metterti in difficoltà. Vedi il lavoro … Continua a leggere Un momento come quello di oggi

ALESSANDRA (Poesia Acrostica) Auguri Ali!

Avventurosa Alessandra con Ali Libere, che sono Espressione di Saggezza, Sogni e Desideri d' Artista amorevole. Navigando nella notte, ricorda sempre che i Diamanti più belli riflettono una luce più splendente. Ricorda che senza il fango il loto non può esistere. Ricorda che Rispetto, Giustizia e Successo ti attendono. Auguri cara Ali. Anna Maria Ricci - Le … Continua a leggere ALESSANDRA (Poesia Acrostica) Auguri Ali!

Storia di un mendicante

“Come si arriva fino a qui? Quante persone ti devono negare il loro aiuto prima di ritrovarsi così, in mezzo al nulla? “

Nero su Bianco

Me ne sto seduto sul marciapiede ad osservare. Non ho molto da fare. Dal basso le cose appaiono diverse. Riesco a leggere sui volti di ogni persona che mi cammina davanti, tristezza, dolore, delusione, gioia, felicità e speranza. Capisco di non poter mai più riavere la vita di prima e così accetto il destino.

Come si arriva fino a qui? Quante persone ti devono negare il loro aiuto prima di ritrovarsi così, in mezzo al nulla? Me lo sono sempre chiesto. Non mi sono mai risposto. Ora so cosa prova una persona a guardare verso l’alto. Provare ad afferrare quello che si desidera più di ogni altra cosa e alla fine, rassegnarsi alla sconfitta. Sono come un guerriero che già sente la perdita della battaglia decisiva scorrergli nelle vene.

A volte dormo, a volte bevo, a volte mi sento solo, a volte allegro. Così, prendo in mano la fisarmonica e…

View original post 122 altre parole