Che respiro avrei mai,

se non quello tuo,

che attraversa la luce

e sfiora l’attesa,

che immagina la quiete,

e schiuma d’azzurro,

e sfarina pensieri di terra brulla,

che impasta d’acqua e vita,

e fiorisce e si sdoppia, 

e poi ancora,

come respiro nuovo e ancora,

come respiro nuovo,

e ancora,

in Te.

Francesco Picca

Annunci

Una risposta a "Che respiro avrei mai di Francesco Picca"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...